CLEMATIS ARMANDII: bella e quasi impossibile di Eddi Volpato

IMG_2096.JPG

Chi prova a piantare questa clematide  nel proprio giardino non ne potrà più fare a meno. La sua fioritura spettacolare è  irrinunciabile. A fine marzo (nella mia zona) si copre di una nuvola di corolle bianchissime. La pianta è molto vigorosa, quando trova la sistemazione adatta, vegeta tantissimo e si arrampica ovunque.  Sul Lago Maggiore ne ho vista una che ricopriva l’intera facciata di una casa. Decine di metri quadri. Meravigliosa.

IMG_2092.JPG

Purtroppo è anche  un po’ dispettosa.  Sarà vanità? Sarà che vuole farsi desiderare. Il fatto è  talvolta, dopo la sua straordinaria fioritura,  la pianta muore, più o meno all’improvviso. A me è già capitato alcune volte. So che a molti è capitato.  Probabilmente dipende dalle condizioni di impianto non adatte. Tutte le clematidi sono abbastanza esigenti da questo punto di vista. Non si adattano così facilmente al luogo in le vogliamo far crescere.

IMG_2082.JPG

Dopo vari insuccessi le ho comunque ripiantate.  In genere sono abbastanza costose. Ma io ne ho trovate alcune a buon mercato presso un vivaio locale. Erano veramente brutte. Le foglie tutte secche e nere. Ma avevo notato delle gemme incredibilmente vigorose. Malgrado l’aspetto non invitante le ho comperate lo stesso. Le ho relegate in un angolo buio e dimenticato. Nascoste dietro altri arbusti. Le clematidi amano avere il piede all’ombra. Sono passati alcuni anni  e spero che il periodo critico sia stato superato. Ovviamente non mi faccio illusioni. Non bisogna mai dare nulla per scontato.

IMG_2084.JPG

La prima l’ho piantata dietro un glicine. Il piede quindi è perfettamente nascosto. La pianta si è arrampicata su di esso. Adesso il glicine è spoglio e quindi la clematide risalta con la sua fioritura. Fra poco, quando il glicine comincerà a far spuntare le foglie, la coprirà completamente. Mi sembra stiano bene insieme.  Ormai la clematide sta crescendo a dismisura e ha superato abbondantemente la pianta che la sostiene e si sta allargando  contro il muro della casa.

IMG_2086.JPG

La seconda è collocata dietro una siepe di alloro. Piede assolutamente all’ombra e mai raggiunto dai raggi del sole. Si è arrampicata sull’alloro e adesso la sua ricchissima fioritura spicca  contro il verde scuro che fa da sfondo.

Dopo la fioritura qualche ramo della clematide  secca sempre  ma altre parti invece si sviluppano in modo quasi invadente. Probabilmente la pianta si muove per cercare le zone dove sta meglio disdegnando altre parti che le piacciono di meno.

Annunci

4 pensieri su “CLEMATIS ARMANDII: bella e quasi impossibile di Eddi Volpato

  1. L’ho coltivata in piena terra, si è arrampicata su un melograno fino a ricoprirlo tutto. Spettacolare. Poi ho tentato di tenerla in vaso in terrazza per avere uno schermo sempreverde non banale. Fiorisce ma deperisce. Le foglie cominciano a seccare dalla punta e poi completamente. Dopo 4/5 anni è ancora viva ma pochissimo vigorosa. Quest’anno, 2018, l’ho rinvasata in cassetta da 80 lt, proviamo anche questa. Temo di doverla alfine trapiantare nel giardino e rassegnarmi con poco entusiasmo a un Trachelospermum jasminoides!

    Mi piace

    • Anche la mia in vaso è spacciata, ma ho atto l’errore di trapiantare in un momento non opportuno. Però l’armandii riesce facilmente da talea, lo dico perché l’ho provato, quindi non fermarti con le sperimentazioni! Auguri!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...