Clematis Armandii: i successi

Siamo alla fine di marzo è in questo momento la clematis Armandii dà il meglio di sè, chi ne possiede una non può fare a meno di osannarla. 
Ci ha scritto una nostra "amica dei fiori" Claudia Belluzzi che, molto gentilmente, ha raccontato la sua storia e la sua esperienza con questa meravigliosa clematis.



Questa pianta ha 25 anni.
L’avevo acquistata per piantarla ai piedi di un muro che prendeva il sole al mattino, il piede ombreggiato come tutti raccomandano, ma evidentemente il posto non era quello giusto, non c’era verso… la pianta stentava e non ne voleva sapere di partire.

Passano circa 4 anni e decido di spostarla nella posizione odierna: esposizione ad est e piede coperto da un loropetalum e da azalee, terriccio acido.
Da questo momento ha cominciato a rinascere. Per molti anni l’ho potata regolarmente guidandola e tenendola legata alla base del balcone.
La sua odissea non è comunque terminata. Circa 7 anni fa in preda ad una smania di pulizia per sbaglio l’ho tagliata di netto alla base (non nascondo che ho pianto).
Ma con mia grande meraviglia ho notato – durante lo stesso anno – che un bel virgulto era cresciuto dal moncone della pianta che era rimasta nel terreno.

Grata della fortuna da allora ho deciso di lasciarla libera di crescere senza nessuna costrizione fino al risultato di oggi. Si lega alla ringhiera della scala naturalmente e non mi dispiace questo suo portamento libero e selvaggio che crea uno schermo verde tutto l’anno con una fioritura che desta ammirazione nei passanti con una fioritura e un profumo inebriante.

(Claudia)

La storia di Laura Caratti è diversa, eccola qui

Dopo averla tanto desiderata ne ho acquistata una in vivaio, era in piena forma. L’ho subito rinvasata per darle più spazio in attesa di capire quale fosse il posto giusto in cui piantarla.
Fiasco completo, malgrado le cure la poveretta decide di abbandonarmi dopo un mese o due. Ovviamente mi incavolo e decido di poterne fare a meno.
Passano gli anni e quando visito il giardino della mia amica Bruna non posso fare a meno di notare la stupenda fioritura dell’Armandii che si adagia sulla recinzione.
E’ vigorosa, esagerata, incontenibile… e lei, quasi con rabbia, strappa due o tre getti – che a suo avviso sono di troppo – e mi dice: vuoi provare a far talea?
Massì… perché no… anche se non ho la minima idea del periodo giusto, delle modalità, delle tecniche, ma proviamoci. Uso la solita bottiglia di plastica, terriccio sciolto e drenato, poi lascio che la natura faccia il suo corso perché questa volta non mi voglio incaponire e arrabbiare.
Ebbene, quelle talee attecchirono tutte. Una l’avevo piantata in un vaso, ma non ce l’ha fatta, un paio le ho regalate, infine una l’ho piantata nel vascone delle aromatiche, a ridosso di un muro caldo che guarda a ovest.
Quest’ultima è stata fortunata e nel giro di pochi anni si è sviluppata rapidamente. L’Armandii quando trova il posto giusto è veloce, forte e irresistibile; un sempreverde bello in tutte le stagioni.
(Laura)

il muro è alto circa 4 metri, ma la clem ha scalato anche la pianta del fico arrivando oltre i 6 metri.
E, se invece del bianco preferite il rosa... c'è anche la Clematis Armandii Apple Blossom basta scrivere il nome su Google e ne vedrete delle belle.

Ci sono stati parecchi commenti su FB perché chi ha un'Armandii in questo periodo è letteralmente "posseduto" dalla sua bellezza e dal suo profumo. 

Maria Acquaria Ne avevo una bellissima in vaso nella vecchia casa. Quando fioriva era uno spettacolo. Un giorno trovai una signora del palazzo accanto arrampicata sulla ringhiera con il naso proteso per sentire il profumo

Daria De Tassis Quest’anno dopo la fioritura dovrò darle un bel taglio… Non si entra più nel capanno! Ne ho un’altra nella casa di campagna, un posto freddo, poco adatto.
La mia esperienza con l’Armando è che i primi due o tre anni ci provano sempre a morire. Ma se si salva anche solo un rametto poi non la ferma più nessuno.

Vigorosa ed esagerata, quando si trova bene può succedere anche questo.

Traudi Modena La mia l’ho eliminata l’anno scorso e mi manca molto. Saliva su un mandorlo morto che stava per cadere e continuava a crescere sul secco, ho dovuto eliminare tutti e due.

Gloria Prina Ho inserito tempo addietro la clematis Armandii Apple Blossom, con molta incertezza per il luogo in cui vivo, un crinale battuto dal vento. Mi ha sorpreso piacevolmente, per fioritura, profumo, bellezza.

Clematis Armandii Apple Blossom

Ci ha scritto anche Martina che ha avuto qualche problema:

Martina Contro anch’io l’ho piantata lungo la ringhiera a fianco di una rosa, ma ogni estate cominciava a farmi le foglie secche, chissà che cosa poteva essere… Ho potato alla base vediamo se rigetta.

Speriamo di poter inserire qualche news, soprattutto sulle avversità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...