Cordoli intrecciati: i risultati di quest’anno

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se vi interessa realizzare qualcosa di simile, questo è il momento giusto: cornus e salici sono privi di foglie. Potete anche raccogliere i rami e immergerli in una bacinella d’acqua in attesa di lavorarli, dopo qualche giorno risulteranno ancora più flessibili. Ma si tratta di lavoretti davvero semplici, alla portata di un bricoleur neppure troppo bravo…

A distanza di un anno mi fa piacere mostrare i risultati: i cordoli costruiti l’anno scorso mi hanno dato grandi soddisfazioni perché delimitano e sostengono in modo naturale le aiuole. Seguire le curve non è un problema e si possono realizzare piccoli terrapieni che movimentano lo spazio anche in verticale.
QUI trovate il post precedente. L’unica raccomandazione che sento di dover fare è quella di non usare rami ancora verdi per realizzare i paletti da conficcare nel terreno.
In alcuni casi io l’avevo fatto: le martellate e i maltrattamenti non hanno impedito loro di taleare!

La durata? Si dice possano resistere 3-4 anni, ma questo non l’ho ancora sperimentato. Comunque non sarà un problema sostituirli e usare quelli vecchi per accendere la stufa.

Alla prossima!

Laura Caratti

Messaggio per chi è in ascolto: se avete foto di intrecci che avete realizzato con le vostre mani e volete inviarle a questo indirizzo: giardinosvelato@gmail.com sarò felice di pubblicarle in coda a questo articolo citando il vostro nome o nick.

Questa foto per esempio è di Eddi Volpato ed è stata pubblicata anche sul libro che abbiamo scritto insieme: “IL GIARDINO SVELATO

Annunci

12 pensieri su “Cordoli intrecciati: i risultati di quest’anno

  1. Molto interessante! Credo proprio che ne realizzerò qualcuno…era un po’ che volevo fare qualche terrapieno nuovo, ma non sapevo come delimitarlo. Qualche anno fa ho inserito un cornus alba sibirica e un cornus sanguineum “winter beauty” e penso possano dare risultati interessanti, anche grazie ai loro colori. Anche l’idea di Eddi Volpato mi stuzzica molto!

    Piace a 1 persona

  2. I cornus piacciono molto anche a me anche se ne ho solo uno (Cornus Alba Ivory Halo). Così come mi piacerebbe avere lo spazio per creare un filare di salici, nella mia zona a volte si vedono perché servivano per delimitare i campi o gli orti. Per gli intrecci mi rifornisco durante le passeggiate lungo la Dora… qualcosa si trova sempre!

    Mi piace

    • Molto bello l’Ivory Halo..io ho scelto questi perchè sono gli unici che ho trovato nei vivai della zona, tra quelli con corteccia colorata. Mi piacerebbe prendere anche lo stolonifera ‘Flaviramea’, ma in questo momento non saprei proprio dove metterlo. Vedrai però che, pensa e ripensa, un posto glielo trovo :D!
      Anche da me ci son tantissimi salici…si trovano ovunque a delimitare i campi e le vigne. Vengono capitozzati proprio per ricavare i rami sottili da intreccio (credo che li usino anche per legare le viti). Abbastanza diffusa il salix alba-vitellina che in questo periodo mostra dei bellissimi rami giallo vivo. Prossimamente credo che anche io andrò a fare un po’ di scorta.

      Mi piace

      • Il mio cornus è giovane, Eddi mi consiglia di potarlo drasticamente dopo qualche anno per riuscire ad avere nuovi rami rosso vivo. Tu che dici?
        Per quest’anno lo lascio tranquillo ma inizio a fare indagini…

        Piace a 1 persona

      • Ti rispondo qui perché non mi lascia rispondere direttamente al tuo messaggio. I miei sono abbastanza giovani: li ho inseriti la scorsa primavera dopo essere rimasta piacevolmente colpita da alcuni allestimenti ad Aosta, sulle sponde di laghetti artificiali come il mio. Anche io ho qualche dubbio su come intervenire…ho visto diversi video dal Regno Unito e USA che consigliavano potature complete e molto drastiche (lasciando al massimo 5 cm dal basso) per stimolare l’emissione di nuovi getti colorati. In generale ho però letto su vari testi che, per gli esemplari giovani, è consigliato intervenire in quella maniera su 1/3 o al massimo 1/2 dei rami, per evitare reazioni avverse. Io penso che ne toglierò la metà…

        Piace a 1 persona

  3. Molto interessante vedere i risultati dopo un anno , grazie di averli mostrati !
    Personalmente non ne ho mai fatti , ma proprio pochi giorni fa ho visto su YouTube un filmato su un abbellimento di un grande giardino nel quale hanno costruito un cordolo molto grande perché doveva celare qualcosa che ora non ricordo bene , penso sia arrivato ad un metro e mezzo di altezza .
    Lì hanno usato i tondini di ferro come pali verticali da conficcare in terra ; certamente col ferro diventano anche più stabili , ma penso potrebbe essere una buona idea anche per i cordoli più bassi .
    Credo che , con i tondini di ferro , la durata potrebbe aumentare anche di parecchio , in quanto sono le strutture a contatto con la terra quelle che marciscono più velocemente , mentre i rami intrecciati potrebbero avere vita più lunga .

    Mi piace

    • E’ un ottima idea quella dei tondini di ferro, si mimetizzano bene e durano a lungo!
      Io spesso li uso come tutori ma sarebbero perfetti anche per l’uso che suggerisci tu. Devo comprarne qualcun altro e farmeli tagliare con il flessibile, magari lo chiederò direttamente a chi li vende. Grazie Daniela!

      Mi piace

  4. Venerdi inizio un corso di intreccio vimini.
    Desideravo farlo da anni.
    Un vicino mi regala i vimini.
    Ho piantato un salice, ma ci non mi da ancora abbastanza materiale.
    Nadia

    Mi piace

  5. Pingback: Cordoli intrecciati: un gioco da ragazzi | IL GIARDINO SVELATO

  6. Ciao…un pò in ritardo,ma la cosa m’interessa!!!Un paio di anni fa ho fatto un piccolo recinto con i rami del mio Salice piangente..ormai rovinato.Ho due Cornus abbastanza grande e mai potato…quest’inverno farò una bella potatura!!!!Grazie per i suggerimenti!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...